Il conte la storia

Chi e' il Conte Odilio Domenico Pellegrini? L'articolo e' tratto e riassunto dalla biografia "Odilio Domenico Pellegrini Conte di Rosello" di Mario Cacace. Il numero delle copie e' limitato, per scelta non e' soggetto a vendita, le doniamo volentieri ai nostri ospiti i quali vogliano sapere qualche cosa di piu' su quest'uomo da noi tanto amato.

Odilio Domenico Pellegrini conte di Rosello e Signore di Giuliopoli, e' stato un uomo che ha attraversato , simile ad evento della natura, il ventesimo secolo e parte del ventunesimo, lasciando di lui memoria destinata a tramandarsi nel tempo. Nato il 18 Marzo 1917 e spentosi l'11 Gennaio 2003, il Conte Odilio fu uomo dalla personalita' complessa e poliedrica, fu patriota e mecenate, imprenditore, uomo d'affari e benefattore, amava trovarsi tra i poveri pur frequentando i potenti, costrui' e consumo', per ricostruire ancora, intere fortune.

Il conte

Per le sue doti morali, per il suo innato senso dell'altruismo, Odilio Domenico Pellegrini ha ricevuto onori, decorazioni e attestati da Capi di stato, Sovrani, Ordini Cavallereschi, Comuni e accademie. Molti sono i rapporti interpersonali che Odilio ha intrattenuto con i "potenti" come Re
Farouk d'Egitto, il Presidente Argentino Peron che lo avrebbe voluto nel suo paese per riorganizzare i trasporti pubblici o il poeta Presidente della Repubblica di Malta Paul Xuereb. Fu nominato cittadino onorario di molti Comuni e in considerazione di particolari benemerenze patriottiche gli fu conferita la medaglia d'oro al Valore Patriottico. La lista delle onereficenze da lui ricevute e' ancora lunga. Il suo gran da farsi per il prossimo non fu sempre compreso da tutti, taluni ritennero che fosse spinto da interessi personali eppure nessuna di queste obiezioni trovo' mai un riscontro. Il Conte spese somme consistenti che non hanno portato nessun vantaggio per lui se non l'enorme soddisfazione che provava ogni volta che riusciva a realizzare quanto promesso. E il suo spropositato amore per le radici ci fa pensare che quest'uomo, abituato a dare ma non troppo a ricevere, abbia dopo la sua morte ottenuto il regalo piu' bello: Con la seduta del 30 Settembre 2003 Il consiglio comunale su proposta del sindaco ha deliberato per intitolare la piazza del "Santariello" a Odilio Domenico Pellegrini. Egli giace oggi nel cimitero di Giuliopoli.